14 modi per viaggiare gratis (o essere pagati per farlo)

Il mio sogno è vivere viaggiando. Per questo ho voluto capire se esistono dei modi per viaggiare gratis o spendendo poco. Certo che si sono. Se non si tratta di professioni vere e proprie, ci sono tante possibilità per girare il mondo con il minimo delle risorse (e il massimo della flessibilità).

1. Couchsurfing: girare il mondo, facendosi ospitare.
La parola Couchsurfing fa riferimento al “divano” che viene offerto gratuitamente a viaggiatori occasionali. Ma non è raro imbattersi in persone molto generose che mettono a disposizione una stanza singola. Gli iscritti a questa community, ormai famosa in tutto il mondo, hanno la possibilità di chiedere ospitalità agli altri membri e, se vogliono, possono ricambiare con un posto letto in casa loro (ma non è obbligatorio).

Anche quando si trova una sistemazione, conviene essere prudenti: controllare le eventuali referenze della persona che ci ospita (c’è un sistema interno di feedback per i membri), avvisare un amico o un parente dei nostri spostamenti e preparare un piano B se la disponibilità venisse meno (per non dormire per strada).

2. House sitting: prendersi cura della casa di qualcun altro.
Se non vi piacciono i bambini o i cani, potete fare gli house-sitter e prendervi cura, a pagamento, della casa di qualcuno quando i proprietari sono in viaggio.

3. Fare le hostess o gli steward su aerei e treni.
Probabilmente sono i professionisti che viaggiano di più. Se non vi preoccupano i jet lag e ve la cavate con le lingue è l’ideale.

4. Fare la guida turistica.
Se amate viaggiare, studiare la cultura di un luogo e parlate più di una lingua straniera, è il lavoro per voi. Potete specializzarvi in una regione particolare, lavorare in proprio oppure essere alle dipendenze di un tour operator e accompagnare gruppi di turisti in giro per il mondo.

5. Partecipare a un volontariato internazionale.
Le attività “volontarie” normalmente non vengono pagate, tuttavia a volte è possibile avere un rimborso spese, vitto e alloggio, soprattutto se il servizio si svolge all’estero. Nelle ONG c’è molto lavoro, soprattutto nelle zone “difficili”. Ma non è obbligatorio andare nelle zone di guerra e in territori pericolosi per fare qualcosa di utile.

6. Lavorare in una fattoria bio.
La raccolta della frutta in estate è un classico. Ma fattorie e cascine offrono molti altri lavori che vanno dalla semina, alla mungitura a piccoli lavori di manutenzione. In cambio potrete stare in mezzo alla natura, in posti spesso bellissimi, e mangiare buonissimi prodotti biologici.

7. Essere ospitati in un B&B gratis in cambio di servizi.
Ci sono molti bed & breakfast che, in Italia e all’estero, offrono vitto e alloggio in cambio di qualche ora di lavoro. Se siete esperti in qualcosa, parlate molte lingue o avete competenze informatiche, potete offrire lezioni di lingue agli ospiti della struttura oppure aiutare i proprietari a migliorare le performance del sito internet con una consulenza SEO.

Su BarattoBB troverete un elenco di bed & breakfast italiani, divisi per regione, che offrono ospitalità barattandola con un bene o un servizio. Ogni anno invece, di solito nel mese di novembre, si svolge la Settimana del Baratto alla quale aderiscono b&b di tutta Italia.

8. Trasportare automobili da una città all’altra.
Molti autonoleggi offrono questa possibilità. Se siete fan della Beat Generation ricorderete che è anche quello che fa Jack Kerouac assieme a Neal Cassady nel romanzo “Sulla strada“. Questa pratica si chiama “drop off” e consiste nel ritirare le vetture lasciate da chi le ha noleggiate per riportarle in sede.

9. Lavorare in una nave da crociera.
Su una nave da crociera potrete fare molte cose: dal barman all’animatore, al fotografo allo chef. Le escursioni, che vengono offerte ai passeggeri ogni volta che si attracca da qualche parte, per il personale di bordo sono gratuite. Per chi non lo sapesse, è così che hanno cominciato Fabrizio De Andrè, Paolo Villaggio e Silvio Berlusconi.

10. Fare lo skipper su uno yacht.
Bisogna avere conoscenze tecniche di nautica, ma lo skipper non si limita a fare il capitano, ma spesso diventa un accompagnatore tuttofare durante una vacanza in barca. Non è un lavoro semplice, ma dà soddisfazioni e spesso è molto ben pagato.

11. Fare l’agente di viaggio.
È una delle professioni più ambite. Per conto un’agenzia viaggi si gira il mondo per sondare i servizi di strutture ricettive o hotel ed eventualmente inserirli in un pacchetto turistico.

12. Essere ispettore di hotel di lusso.
Gira in incognito nelle strutture più prestigiose del mondo per verificare che la qualità dei servizi sia all’altezza dei meriti riconosciuti. C’è bisogno di figure come la sua per garantire alti standard a clienti facoltosi.

13. Fare il fotografo naturalista
Essere un inviato del National Geographic e fotografare i luoghi più spettacolari del mondo è indubbiamente affascinante quanto fare l’archeologo alla Indiana Jones. Di recente Sean Penn ha interpretato ne I sogni segreti di Walter Mitty di Ben Stiller proprio una figura come questa. Ma le difficoltà non mancano: spesso ci trova in luoghi ai limiti della sopravvivenza, bisogna stare immobili parecchie ore ed evitare di essere attaccati da belve feroci.

14. Fare il travel blogger.
Se avete un blog che parla di viaggi e una buona base di lettori, un giorno potreste camparci. Le probabilità aumentano se fate anche fotografie e video dei vostri soggiorni. Se siete bravi, potreste vendere pubblicità, consulenze, affiliazioni e nei casi più fortunati farvi pagare per raccontare i vostri itinerari. Ma, ripetiamolo: ci vuole costanza, passione e attitudine al networking. I risultati non arriveranno subito: ci vuole almeno un anno di dedizione e sacrifici perché un blog cominci a dare risultati (economicamente parlando).

3 SITI DA TENERE D’OCCHIO

a. Italians in fuga è il blog di Aldo Mencaraglia che da molti anni dispensa consigli a coloro che vogliono emigrare e pubblica storie di successo di italiani che ce l’hanno fatta all’estero.

b. Nomadi Digitali è la community punto di riferimento per coloro che vogliono lavorare (soprattutto nel digitale) senza una sede fissa e girare il mondo. È curata da Alberto Mattei e Marta Coccoluto.

c. Scambi Europei è un blog molto ricco, aggiornato quasi quotidianamente, che pubblica offerte di lavoro internazionali, bandi per borse di studio e scambi culturali, annunci di stage e concorsi.

Collezionista di papiri accademici, sono un geek eclettico con una formazione umanistica e una grande passione per la tecnologia e l'IA. Coltivo la radice spirituale dell'essere digitale.
 
Commenta su Facebook

Notificami
avatar
wpDiscuz