È una questione di Qualità

Se n’è andato anche Robert M. Pirsig, uno di quegli scrittori che scrivono libri fondamentali dei quali, spesso, la gente si dimentica troppo presto.

Mi sono tornati in mente gli anni universitari di Padova. Un mio compagno di teatro, lo stesso che pur avendo fatto un viaggio on the road negli Stati Uniti da costa a costa non riusciva a leggere Jack Kerouac, mi consigliò un romanzo dal nome bizzarro, che era almeno tre libri insieme: Lo zen e l’arte della manutenzione della motocicletta. Lo lessi una prima volta (a quei tempi, tra l’altro, mi ero avvicinato molto al buddhismo zen) e indubbiamente mi colpì. Ma un libro costruito su così tanti livelli, non può essere letto solo una volta. Appartiene a quella categoria di romanzi che, letti a distanza di anni, ci sorprendono come non avevano fatto le prime volte e solo allora alcune verità si rivelano, perché nel frattempo siamo cresciuti abbastanza da capirle.

Ironia della sorte, l’anno seguente lo ripresi in mano. Il mio professore di Antropologia, il primo giorno di lezione spiazzò tutta la classe dandoci un singolare compito: «Entro la fine di questo corso, prima dell’esame, dovete leggere questo libro e scrivere una tesina con la VOSTRA definizione di Qualità». Naturalmente non ricordo cosa scrissi in quel saggio, però quello fu un punto di non ritorno. La ricerca della Qualità, probabilmente, è un processo continuo ed equivale alla ricerca del senso della vita. Cercare la Qualità significa non accontentarsi, rifiutare la mediocrità e continuare il viaggio finché l’energia che ci attraversa ce lo consente.

Adriano Autino, nel suo articolo, descrive in maniera molto efficace questa ricerca, paragonandola a un processo di estrazione mineraria.

La qualità, a volte, va separata dal cumulo di sporcizia e cose inutili che l’hanno impastata e sommersa. La roccia aurifera contiene oro, ma finchè la roccia non viene sminuzzata e l’oro non viene separato dal resto, non ha valore. L’attività che crea valore è quindi quella di separazione ed estrazione dei materiali di qualità dal resto. Un campo ideologico non è diverso da un vecchio terreno non curato: contiene di tutto, sporco, impastato, sommerso; così è il nostro disastrato terreno ideologico. Pirsig è capace di entrarci e separare l’oro dal resto. Grazie a questa sua capacità, che potremmo definire di quality mining, egli estrae la verità sulle origini della cultura nordamericana.

Ma Pirsig sembra richiamarsi anche a una responsabilità tipicamente orientale, quella di chi si rende conto che la sua consapevolezza condiziona il suo karma, il suo destino. Per questo la morale del suo romanzo può essere: ogni attività umana deve portare qualità nel mondo. Una cosa tante più qualità possiede, tanto meglio sarà di altre a lei simili. Se succede, è perché ciò che esiste – esiste in relazione.  È l’interconnesione del tutto del buddhismo. Questa relazione è un rapporto di attribuzione di qualità.

Nel suo secondo libro, Lila, l’autore americano fa un passo in avanti e distingue tra Qualità dinamica e Qualità statica. La prima, oggetto del primo libro, è ciò che spinge a progredire, che esorta al cambiamento, ciò a cui tende l’evoluzione dell’individuo. La seconda è ciò che rappresenta la tradizione, quello che resta fermo, fisso, immobile e che si oppone all’azione del tempo.

Entrambi i tipi di Qualità sono necessari e sono imprescindibili l’uno dall’altro. Lo spiega bene Francesco Lanzetta nella sua tesi:

Se la realtà fosse soggetta esclusivamente all’azione della Qualità dinamica, sarebbe esposta al rischio della totale degenerazione e del caos incontrollato. La Qualità statica quindi subentra nello stabilizzare la tendenza dinamica, nel darle una forma precisa e nell’evitare tale distruttiva degenerazione. La realtà si articola quindi in un’attività congiunta di Qualità statica e dinamica, di progressione verso il nuovo e lo sconosciuto, e di conseguente stabilizzazione e controllo. Entrambi dunque sono imprescindibili e fondamentali.

La Qualità è qualcosa di indispensabile per la vita di tutti ed è fondamentale per la comprensione della realtà. Piero Proietti a questo proposito dice:

La realtà è dinamica e la conoscenza classica-dualistica (che poggia sul binomio soggetto-oggetto) non è sufficiente ad intuirla: occorre avere il senso della qualità, ossia l’intelligenza di cosa è buono, ossia il contatto con la qualità. La realtà è «mutevole Qualità», per starle dietro occorre avere un atteggiamento pratico che non sia bloccato al pensiero oggettivo e dualistico. L’uomo osserva la realtà per capirla, quindi schematizza e seleziona degli elementi che fanno parte di essa fino a creare, tramite tali elementi, una rappresentazione, un’astrazione (questo è il metodo scientifico classico); ora, mentre l’uomo compie questa operazione, la realtà è andata avanti, ha superato la rappresentazione operata dall’uomo, il quale è costretto a compiere una nuova razionalizzazione della realtà, che migliora in continuazione, per poterla capire.

Ci sono momenti della vita in cui ci sentiamo bloccati, senza energia. È perché abbiamo paura delle novità, di quello che non conosciamo. Ma dobbiamo saltare ugualmente, anche se sotto non vediamo reti di protezione.

Non bisogna temere le situazioni nuove, ammonisce Pirsig, cioè le situazioni che vanno al di là di ciò che si sa e, in un primo momento, provocano un blocco; sono esse che fanno emergere la qualità-realtà e che liberano dal blocco. In effetti, sono le prove che fanno crescere; crescere significa aumentare di qualità, avanzare in qualità. La qualità agisce, è la realtà fattiva (ossia dei fatti che si evolvono).

Nei libri importanti, quelli che col passare del tempo e delle riletture acquistano valore, come quello di Pirsig, ho sempre trovato delle risposte. Questo non vuol dire avere in mano il libro giusto al momento giusto. Quegli agglomerati di senso sono sempre lì, a disposizione, pronti a guarirci nei momenti di cecità apparente. Anche se cambiano forma e funzione, come la realtà. La Metafisica della Qualità di Robert Pirsig ci ricorda la labilità dell’esistenza e perché, nonostante tutto, deve essere importante per noi.

Collezionista di papiri accademici, sono un geek eclettico con una formazione umanistica e una grande passione per la tecnologia e l'IA. Coltivo la radice spirituale dell'essere digitale.
 
Commenta su Facebook

Notificami
avatar
wpDiscuz